- Microtech

Laboratorio di Riparazioni Elettroniche - Impianti d'Antenna - Internet via Satellite - Reti LAN - Reti Wi-Fi - Esperti Digitali - Soluzioni Tecnologiche - Sistemi di Comunicazione Integrata - Tecnologia dell'Informazione e della Comunicazione - Antennisti Professionisti - Installatori Tooway Certificati - Installatori Autorizzati Mediaset Premium - Installatori Autorizzati TvSat - Progettazione e Realizzazione Circuiti Elettronici - Impianti Elettronici
Vai ai contenuti

Menu principale:

News

Microtech snc
Laboratorio di Elettronica - Impianti d'Antenna
Internet via Satellite - Reti LAN e Wi-Fi - ICT

L'Onda del Digitale Terestre.

L'era della TV Analogica è finita, ora siamo nell'epoca del Digitale Terrestre. Col passaggio al digitale terrestre abbiamo assistito a molti fai da te, ma anche a molte persone che si spacciano o si improvvisano antennisti, i quali hanno sostituito l'antenna sul tetto per adeguare l'impianto alla nuova tecnologia digitale. Lo hanno fatto automaticamente senza sapere che cosa significa adeguare un impianto d'antenna al ricezione del segnale digitale terrestre. Senza sapere quali sono i siti di trasmissione, quali sono le bande su cui vengono trasmessi i vari MUX, qual'è la polarizzazione. O ancora cosa sia un MUX o che significa SFN e MFN, cosa sono gli echi e l'intervallo di guardia. Per non parlare poi del BER, del MER e del vecchio caro C/N.
Tutte le persone non esperte nel settore pensano che per adeguare un impianto d'antenna a ricevere il segnale digitale terrestre basti o sia necessario sostituire la vecchia antenna "analogica" con una nuova antenna "digitale". Non c'è niente di più sbagliato. Non esistono antenne "digitali". Le antenne sono solo oggetti di ferro o di alluminio di forma appropriata capaci di captare un'onda elettromagnetica e trasformarla in un segnale elettrico.
Prima il segnale televisivo analogico, dal trasmettitore al ricevitore, veniva trasmesso per mezzo di onde elettromagnetiche. Oggi il segnale del digitale terrestre viene ancora trasmesso per mezzo di onde elettromagnetiche. Per quanto riguarda il mezzo trasmissivo non è cambiato nulla. Persino le bande di frequenza sono le stesse, in molti casi.
Le onde elettromagnetiche da quando sono state predette teoricamente dal fisico James Clerk Maxwell e verificate poi sperimentalmente dal fisico Heinrich Rudolf Hertz nel 1888 non sono mai cambiate e non crediamo cambieranno mai.
Questo significa che un'antenna capace di ricevere le onde elettromagnetiche della TV analogica sarà in grado di ricevere anche le onde elettromagnetiche della TV digitale. In entrambi i casi sempre di onde elettromagnetiche si tratta. Ciò che è cambiato è solo il sistema di codifica del segnale televisivo. Si è passati da una modulazione analogica ad una modulazione digitale chiamata COFDM. La modulazione analogica permette di tramettere un segnale analogico ossia un segnale che varia nel tempo con continuità come per esempio la voce o l'intensità luminosa delle linee che formano l'immagine sul tubo catodico. La modulazione digitale invece permette di trasmettere dati discreti, bit, pacchetti di 0 e 1 in altre parole numeri.
Il termine "antenna digitale" è stata solo una trovata commerciale per spingere noi tutti a farci credere che la vecchia antenna non adasse più bene spingendoci quindi a sostituire la vecchia "antenna analogica" con un "antenna digitale". Sfruttando la baraonda del passaggio al digitale terrestre si è corsi tutti a comprare le nuove antenne, senza sapere se fosse poi veramente così necessario, compresi gli installatori. Tutto questo a vantaggio di chi produce e vende antenne. Per essere ancora più convincenti i progettisti si sono inventati antenne dalle forme nuove e stravaganti, molto appariscenti in modo tale che dimostrassero ancorpiù la loro peculiarità di antenna digitale.
Nonostante tutto questo, bisogna dire onestamente e sinceramente che in realtà esistono antenne che sono più adatte di altre a ricevere il segnale del digitale terrestre. Queste antenne sono costruite con particolari accorgimenti meccanici e/o elettronici capaci di attenuare quei fenomeni distruttivi tipici del digitale terrestre che degradano il segnale durante il suo percorso dal trasmettitore all'antenna ricevente. Tipo il fading, gli echi, i disturbi laterali, ecc. Inoltre tali antenne hanno delle caratteristiche che ne fanno un'ottima antenna. Per esempio l'elevato guadagno, alta direttività, lobi laterali piccoli, elevato rapporto avanti/dietro, amplificatore a bordo con controllo automatico del guadagno, il quale mantiene costante il segnale qualora subisse delle variazioni come spesso accade tra il giorno e la notte. In conclusione una buona antenna per il digitale terrestre è quell'antenna che è ottima per l'analogico.

Qui sopra:
Esempi di antenne cosiddette "digitali".

Qui sopra:
Esempio di una coppia di ottime antenne presenti sul mercato da più di vent'anni, quando il digitale terrestre ancora non esisteva. Ancora oggi sono attualissime ed ottime per il digitale terrestre.




 


Torna ai contenuti | Torna al menu